Ci risiamo, manca ancora molto alla fine del mese e stai cercando consigli per risparmiare su tutto?

Se senti la necessità di arrivare alla fine del mese e vivere bene, risolvere problemi economici e uscire dai debiti, devi saper pianificare le tue spese.

Chiedersi come risparmiare su tutto, quando non si ha controllo sul proprio denaro, è solo una perdita di tempo; bisogna imparare a risparmiare giorno per giorno, pianificando le spese a breve e lungo termine, e migliorare il rapporto che abbiamo con i nostri soldi.

Come risparmiare su tutto e vivere bene lo stesso

Per iniziare, comincia a tenere un bilancio familiare delle tue spese: ti sorprenderà conoscere la quantità di denaro che, normalmente, spendiamo inutilmente.

Da due anni, ho ridotto di quasi 150 euro le spese mensili grazie ad alcuni piccoli accorgimenti senza fare grandi rinunce.

Esistono varie voci che incidono sul tuo budget, ma puoi iniziare seguendo questi semplici consigli:

1. Azzera o riduci i vizi

Smettere di fumare comporta molti vantaggi, ma da ex-fumatore posso assicurarti che in questo preciso istante ti capisco: non ho mai sopportato la gente che doveva ricordarmi i costi economici legati al fumo di sigarette, ma è così: il conto è reale e salato, per non parlare dei rischi legati alla salute.

Non si tratta solo di risparmiare 5 euro al giorno (1800 euro/anno) per l’acquisto del pacchetto, ma di tutti quei costi legati alla cura di patologie causati dal fumo; ho smesso da quasi 10 anni, dopo aver fumato per oltre 20 anni un pacchetto e mezzo, sicuramente non mi sono arricchito smettendo ma, molto probabilmente, ho risparmiato circa 18.000 euro,  e chissà quali altre complicazioni.

Un pacchetto di sigarette al giorno costa in media 1800 euro/anno

Non è semplice, e sono convinto che ognuno di noi ha bisogno solo del metodo giusto: puoi leggere un libro, acquistare prodotti dedicati o farti aiutare dal tuo medico, l’importante è fare il primo passo.

Sono convinto che ci riuscirai.

2. Riconsidera il tuo stile di vita

Aperitivi giornalieri, vacanze di lusso, oggetti costosi, grandi auto, barche, sorrisi: grazie ai social è possibile far credere qualsiasi cosa, ed in questa giungla di (in)felicità apparente, chi ne fa le spese è sempre il più influenzabile.

Per sentirsi accettata, la gente tende ad adeguarsi a stili di vita lontani dai propri stipendi, indebitandosi sempre di più, pur di apparire benestante e felice, almeno agli occhi degli altri.

La realtà, molto probabilmente, è una vita di rate da pagare: conosco gente che accede a finanziamenti per pagarsi le vacanze per poi lamentarsi di non arrivare a fine mese, rischiando di diventare insolvente e, di conseguenza, vivere una vita di debiti che verranno poi ereditati dai figli.

Non si può lavorare solo per pagare le bollette da pagare è vero, ma il lavoro dovrebbe servire a pagare beni primari, costruire qualcosa per il futuro dei figli e garantirsi una vecchiaia serena.

Meglio un portafogli di poco valore con dentro 100 euro, che uno da 100, con dentro solo pochi spicci.

Adeguare il proprio stile di vita alle proprie entrate è il primo passo per il benessere finanziario.

3. Pianifica le spese

Dal momento in cui comincerai a gestire al meglio il tuo bilancio familiare, ti accorgerai che, alla fine, c’è un costo mensile da pagare per le grosse spese periodiche.

Per preparasi al meglio, evitando di indebitarsi per sostenere la spesa periodica, suddividi le spese più importanti come RCA, bollo, rette scolastiche, in costi mensili che andrai accantonando in contanti tramite buste o su un conto deposito mese dopo mese, sarà più semplice pagare cifre importanti.

4. Rinegozia tutti i tuoi piani telefonici

Molte delle spese che vengono considerate “minime” o di poca importanza, sono legate all’utilizzo di cellulari, smartphone e connessioni ad internet.

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un aumento di giga e minuti offerti che costano, in media, € 11/mese a persona.
Abbiamo realmente bisogno di tutta questa connessione? Cambiare il proprio piano telefonico può farci risparmiare anche il 50%

Personalmente, spendo poco più di 2 euro per la mia connessione mobile, e non trovo alcun bisogno di tantissimi giga.

5. Risparmiare su ristoranti e cene fuori

Possiamo risparmiare su tutto, anche sui ristoranti, pur non rinunciando ad una cena fuori. La rinuncia a tutti i costi non è risparmio se crea frustrazione, è bene quindi concedersi una cena al ristorante o una pizza almeno una volta al mese.

Per risparmiare su ristoranti, pizzerie e locali notturni, conviene affidarsi ad APP come TheFork , che mette in una condizione di reciproca convenienza, clienti e ristoratori.

Grazie a TheFork (gruppo TripAdvisor) è possibile risparmiare sui costi fino al 50%, leggere recensioni reali e prenotare oltre 60.000 ristoranti in tutta europa.
È possibile inoltre invitare i propri amici e ricevere 20€ di sconto sulla prenotazione.

6. Lista della spesa e menu settimanale

Per mangiare bene e risparmiare sulla spesa è necessario pianificare una lista della spesa perfetta e un buon menu settimanale; ciò permette di evitare acquisti inutili e dannosi per la salute e il portafogli.

7. Risparmiare su mutui e affitti: la rata ideale

La scelta di prendere in affitto un immobile o acquistare quest’ultimo, dipende da molti fattori personali.

Ad ogni modo, che sia mutuo o canone di locazione, va sempre calcolata la percentuale della propria solvibilità, ovvero della rata che potrai sostenere al netto delle spese del proprio nucleo familiare:

  1. Ammontare del proprio stipendio
  2. Spese fisse mensili (bollette, spese mantenimento auto, spesa alimentare, ecc)
  3. Costi da sostenere per un fondo di emergenza.

Esempio: Stipendio netto € 1800 – Spese fisse € 900 – Fondo emergenze € 200 = € 700 (sostenibilità della rata)

In media, le spese per l’affitto o il mutuo, per essere sostenibili, non dovrebbero superare il 30% del proprio reddito.

8. Risparmiare sulla spesa di luce, gas ed acqua

Grazie alle nuove tecnologie è possibile risparmiare un buon 40% sulle bollette di luce, gas ed acqua.

Per risparmiare sulla bolletta della luce è fondamentale utilizzare lampade a basso consumo, meglio se a led, ciabatte e interruttori per qualsiasi elettrodomestico collegato; bisogna valutare attentamente anche l’acquisto di elettrodomestici in classe A+, in base alle proprie esigenze e, soprattutto, il consumo e la convenienza di lavastoviglie ed asciugatrici.

Per quanto riguarda il gas da riscaldamento, è fondamentale migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione per risparmiare sulle bollette: isolamento a cappotto, infissi di nuova generazione, impianti fotovoltaici, migliorano la classe energetica dell’abitazione e abbattono i consumi.

Per risparmiare acqua, è fondamentale applicare ad ogni rubinetto un riduttore di flusso; applicato alla doccia, alla cucina, al lavabo e al bidet, si consuma fino al 50% dell’acqua erogata con un risparmio stimato di 150 euro all’anno.

Preferire l’acqua del rubinetto, delle fontanelle pubbliche o delle case dell’acqua, controllata quotidianamente dalle ASL del proprio comune, contribuisce a salvaguardare l’ambiente e la salute con un risparmio di altre 450 euro all’anno.

Inoltre, qualora l’ISEE non superi 8.107,5 euro, è possibile accedere al bonus luce, gas e acqua, usufruendo di riduzioni per la fornitura di energia elettrica, gas e acqua.
Dal sito dell’ANCI è possibile reperire la documentazione, i moduli, e le relative info, da trasmettere al proprio comune (o al CAF) per usufruire dei bonus luce, gas e acqua.

9. Risparmiare sulle spese bancarie

Per risparmiare su tutto è necessario azzerare ciò che definisco spese invisibili: canoni mensili, imposte di bollo, costi per l’addebito delle utenze. Il conto corrente tradizionale può costarci molto caro; ciò che la banca chiama spese di gestione, sono, per lo più,  piccoli importi che ignoriamo ma che alla fine dell’anno ci costano caro:

  • 12 euro per OGNI SINGOLA utenza domiciliata
  • 48-60 euro per canoni annuali di gestione conto
  • 35 euro per imposta di bollo (in caso di superamento soglia € 5.000)
  • 1-1,50 euro per ogni prelievo effettuato fuori dal proprio circuito bancario

In questo articolo spiego come ho perso più di 1600 euro, restando legato da un conto corrente tradizionale.

Perché sperperare più di 150 euro all’anno, quando esistono alternative a zero costi?

Le alternative ai conti correnti tradizionali

CARTA HYPE

La carta Hype di BancaSella, eletta miglior carta ricaricabile dell’anno, consente di azzerare i canoni mensili e, nello stesso tempo, prevede prelievi gratuiti da qualsiasi sportello bancario in tutto il mondo.

Infinite funzioni e la possibilità di consultare credito e movimenti dall’App, inoltre possibile:

  • Inviare e ricevere denaro gratuitamente in tempo reale
  • Impostare obiettivi di risparmio
  • Codice IBAN per ricevere ed inviare bonifici
  • Contactless
  • Prelievi gratuiti in tutto il mondo
  • Accettata ovunque: circuito Mastercard

Si attiva in 5 minuti e basta un selfie ed una foto al documento d’identità per riceverla comodamente a casa, io la utilizzo comodamente per l’accredito dello stipendio, e dividere le spese, ad esempio una pizza, tra gli amici.

Richiedere la carta è semplicissimo e permette di ricevere 10€ di benvenuto sulla prima ricarica.

10. Come risparmiare sulle vacanze

Per risparmiare sulle vacanze è necessario organizzarsi per tempo: è possibile trovare last minute è vero ma, organizzarsi qualche mese prima, resta la mossa vincente.

Affidati a Booking e Airbnb per trovare una sistemazione: esistono soluzioni per ogni tasca, specie se prenoti con anticipo.

Esistono strumenti molto utili che ti consentono di risparmiare su voli e hotel; un buon modo per risparmiare sulla vacanze è quello di ricercare voli a bassissimo costo con Skyscanner, su cui costruire una bellissima vacanza.

Se intendete spostarvi sul territorio nazionale, verificate anche i costi di treni e bus: prenotando prima, è possibile viaggiare veramente con poco.

Nel mio ultimo viaggio in giro per l’Italia (da Palermo per Napoli e Roma) con tutta la mia famiglia, ho speso, in totale, meno di € 130 scegliendo il treno come mezzo di trasporto; certo, 9 ore di viaggio possono sembrare un’eternità, ma è un compromesso accettabile se consideriamo anche i costi relativi a spostamenti da e per gli aeroporti.

Viaggiare, è uno dei motivi per cui vale la pena risparmiare, leggi la guida per viaggiare low-cost in tutto il mondo.

11. Trova delle alternative alla pay-tv

Attualmente, il mercato televisivo è nelle mani di SKY che, pur offrendo un’altissima qualità su prodotti e tecnologie può costare, a listino, dai 336 euro per serie tv e Hd, ai 960 euro per il pacchetto completo.

Le alternative a Sky, se consideriamo solo serie tv e cinema, sono Netflix, Infinity, Chili, ma esistono siti totalmente legali e gratuiti con cataloghi ricchi e di alta qualità.

12. Fondo di emergenza

Chi meno spende più spende, oppure semplicemente risparmia.

Abbiamo già affrontato la questione di come, una buona pianificazione finanziaria, sia alla base del risparmio e di una vita sicuramente più tranquilla.

Gli imprevisti non mancano mai, per questo motivo è fondamentale stabilire una forma di risparmio forzoso per  il fondo di emergenza: l’ideale è alimentare il fondo in maniera automatica, impostare, ad esempio, il prelievo automatico dal conto principale ad un conto deposito.

Questo ci permetterà di essere costanti ed evitare tentazioni.

13. Risparmiare sull’assicurazione RCA

È già da un paio d’anni che sottoscrivo solo polizze online: è questo il segreto per risparmiare sull’assicurazione auto. Rimanere legati ad una compagnia, purtroppo, non premia, ed alla fine, se consideriamo solo l’assicurazione civile, le compagnie assicurative sono tutte uguali.
Controllando i bilanci, e considerando solo l’auto di mia moglie, ho risparmiato qualcosa come 150 euro l’anno. I fattori sono tanti è vero, dalla classe di appartenenza alla cilindrata, ma assicurarsi online, e cambiare spesso compagnia, premia.

Per risparmiare sull’assicurazione auto, per prima cosa, è necessario abbandonare l’idea che una polizza online sia diversa da una polizza tradizionale stipulata tramite il vostro “caro” assicuratore”, comportando chissà quale fregatura; aprendo un qualsiasi portale di comparazione: io utilizzo Facile.it e Segugio.it, effettuando le ricerche almeno 60 giorni prima la scadenza e ripetendo la ricerca negli ultimi 30 giorni.

14. Usa mezzi alternativi per spostarti

Dalla classica bici, passando per hoverboard, monopattini e skate elettrici: sono molte le alternative per dimezzare, se non addirittura azzerare, i costi per i piccoli spostamenti.

In Italia,  servono in media 45 minuti per arrivare al lavoro, e il traffico, come la ricerca del parcheggio, risulta essere la prima fonte di stress tra i lavoratori italiani.

Tagliare di 5 km al giorno (2,5 km a/r), il tragitto casa-lavoro, approfittando magari di una zona con ampi parcheggi gratuiti, consente di risparmiare 50 centesimi al giorno sul carburante, una media di 120 euro l’anno, per 5 giorni lavorativi.

Eliminare completamente l’utilizzo dell’auto, significa risparmiare su assicurazione (500 euro, la media nazionale) bollo, manutenzione, e il già citato carburante: quasi 2000 euro l’anno.

Siamo sicuri che sia la scelta migliore?

15. Fare comunità

Grazie ai social, è possibile confrontarsi con milioni di persone con le nostre stesse esigenze: chiedere supporto e trovare nuovi modi per gestire al meglio il bilancio familiare,  imparare tecniche di risparmio, e migliorare la conoscenza

RISPARMIARE IN FAMIGLIA – GRUPPO DI SUPPORTO

Sono più di 1000 le persone che in poco tempo si sono unite al nostro gruppo, ti aspettiamo!

16. Prenditi tempo prima di acquistare

Se non è necessario si tratta probabilmente di un acquisto inutile: molti acquisti, specie se fatti online, sono frutto di voglie passeggere: se hai già inserito il prodotto nel carrello, prova a prenderti almeno 48 ore prima di dare conferma: ciò, oltre ad evitare l’ingresso in casa di oggetti inutili, allena alla disciplina ed evita dipendenze compulsive da shopping.

17. Poniti obiettivi a medio e lungo termine

Organizzare una vacanza (o raccogliere fondi per questioni importanti) anche sei mesi prima, ci pone in una condizione pressochè obbligata con noi stessi: in poco tempo, si innesca un pensiero positivo che aiuta a risparmiare per il traguardo finale, ti basta sapere, ad esempio, che è possibile risparmiare € 2000 all’anno, semplicemente mettendo da parte 166 euro al mese.

18. Non smettere di imparare

Leggere, imparare una nuova lingua, rincorrere il sapere, resta l’unico modo per cambiare la propria vita: se non sei soddisfato del tuo impiego, o vuoi aprirti nuove possibilità devi rinnovare o imparare nuove cose; i libri restano sempre la scelta migliore, ma puoi imparare tantissimo anche con Youtube, e App dedicate, l’importante è non chiudersi a riccio: il rischio è quello di rimanere fermi e piangersi addosso.

Tutti possono imparare qualcosa di nuovo, dedica un po’ di tempo a te stesso e aumenta le tue possibilità di guadagno.

 

Conosci altri metodi per risparmiare?

Lascia un commento e condividi.

Seguimi su Instagram, Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato

Entra anche tu nel gruppo ufficiale di Risparmiare in famiglia: potrai confrontarti con una community numerosa e attiva pronta ad aiutarti a migliorare la tua vita.

 

Cc-by new white.svg Cc-nc white.svg Cc-nd.svg 

Puoi scaricare e condividere questo articolo a condizione che non venga modificato né utilizzato a scopi commerciali, sempre attribuendo la paternità dell’opera all’autore.

Come risparmiare su tutto e vivere bene
Tag:                             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 16 =