Possiamo avere un balcone fiorito spendendo poco? La risposta è sì: arredare un balcone all’inizio può essere costoso ma, con dei piccoli trucchi e un po’ di esperienza ciò è davvero possibile.
balcone fiorito spendendo poco
Da quando mi sono trasferito in città rimpiango i giorni di primavera trascorsi nella vecchia casa di campagna; gli odori, ma soprattutto i colori delle piante: un toccasana per la mente e il cuore.  Lavorando in ufficio, a volte per molte ore al giorno, ritagliarsi del tempo curando anche solo una piantina mi ha aiutato a combattere stress e depressione; rallentare e riappropriandosi della gioia della lentezza è un toccasana per la mente: ci si riappropria della gioia dell’attesa, del nuovo, di ciò che nasce grazie alle nostre mani.
Tuttavia, mantenere le piante ha un suo costo, ma con l’esperienza ho imparato ad utilizzare le proprietà benefiche e i frutti di madre natura, spendendo davvero poco.

Balconi fioriti tutto l’anno spendendo poco

Per arredare un balcone o un terrazzo, non servono grosse cifre, a patto di scegliere piante che si adattino all’esposizione e al tempo che vogliamo dedicare loro.
È fondamentale farsi delle domande prima di acquistare qualcosa, che siano piante o oggetti, per evitare spese inutili:

  • La pianta che sto acquistando, è adatta all’esposizione del mio balcone?
  • È una pianta che richiede molte cure?
  • Quanto spazio ho a disposizione?

Scegliete in base alla vostra esperienza senza lasciarvi trasportare dalle voglie del momento; se siete alle prime armi, concentratevi sulle piante aromatiche che si possono reperire a costi veramente irrisori.
Per i vasi, per iniziare, possiamo utilizzare quelli in plastica: costano poco e sono molto resistenti, oppure, se vogliamo dare un tocco di originalità al nostro balcone, è possibile riciclare vecchi barattoli di vernice, lampade o addirittura maglioni!

 Le piante aromatiche: belle da vedere, utilissime in casa

Tutte le piante aromatiche, dal basilico al rosmarino, dal prezzemolo alla menta, ma anche aglio, sedano, timo e lavanda, consentono di abbellire balconi e terrazzi con poca spesa e, allo stesso tempo, si rilevano molti utili in cucina consentendo di risparmiare sulla spesa alimentare.

Oltre al verde cangiante e profumato del basilico, perché non provare a piantare l’aglio? fa dei fiori davvero stupendi:

Balconi fioriti spendendo poco
Una bellissima sfera del fior d’aglio

Le piante aromatiche sono inoltre ottime alleate contro gli insetti:

  • Il basilico, la menta, il timo, e il rosmarino tengono lontane le zanzare
  • Aglio, alloro, rosmarino, aiutano a tenere lontano blatte e scarafaggi

Sono innumerevoli poi, le proprietà delle piante aromatiche che consentono di curare piccoli malesseri:

  • L’Alloro è un ottimo regolatore del metabolismo, ricco di vitamina C e B.
    Con miele, acqua e un paio di foglie di alloro, otteniamo un buonissimo infuso che consente di combattere molti disturbi; nello specifico è utile per contrastare problemi intestinali, febbre, e raffreddore.

Balconi colorati e profumati con pochi euro

Insieme al profumo e al verde delle piante aromatiche, possiamo associare dei bellissimi gerani.
I gerani, tra l’altro, sono tra i fiori più economici in assoluto, non hanno bisogno di troppe cure e donano una sensazione di eleganza; se curate con un minimo di costanza regalano fioriture abbondanti e rigogliose tutto l’anno.

È possibile scegliere diverse tonalità di geranio dal bianco al rosa, dal rosa al rosso fino al viola. Sono piante veramente resistenti che si prestano bene ai contrasti. Le piante di geranio inoltre, sono ottime alleate contro le zanzare e i calabroni, ed è possibile acquistarle una sola volta, riproducendole per talea, risparmiando.

In casa poi, ci sono ottime probabilità di trovare semi che possiamo trasformare in magnifiche piantine: io ad esempio, ho una pianta di limone di 5 anni a cui sono molto affezionato!

Balcone fiorito spendendo poco
Una foto del mio balcone, splendidi gerani ottenuti con la tecnica della talea.

 

Semi gratis e sempre disponibili

Partire dal seme significa dare vita a nuove piante e creature meravigliose, seguendo il ciclo naturale delle cose: niente spreco per piante acquistate al vivaio e che quindi, hanno avuto bisogno di consumare acqua, terra e petrolio per la produzione in serra e la sua commercializzazione.
Da piccolo, con l’ingenua curiosità di un bambino, restavo affascinato dal ciclo delle piante e, vi assicuro, anche a quarant’anni, ha un suo fascino.

Come dicevo sopra, insieme a mia figlia, sono partito da un seme di limone per gioco ed oggi, tra le piante del mio balcone, posso contare anche una splendida pianta di limone di cinque anni che, forse un giorno, riuscirà a donarmi anche dei frutti.
Gli agrumi in particolare infatti, hanno la necessità di essere innestati per essere fruttiferi, anche se, tuttavia, non si tratta di una regola; nel frattempo mi accontento del verde e del profumo delle foglie.

Quando ho iniziato, ho seguito questa guida: Come piantare semi di limone per ottenere un bell’albero

Tra i semi e i tuberi facilmente reperibili in casa abbiamo:

  • Fagioli
  • Lenticchie
  • Limoni
  • Arance
  • Mele
  • Patate
  • Pere
  • Qualsiasi altra cosa ci venga in mente di piantare!

Possiamo provare a chiedere a parenti e conoscenti semi antichi: sono quelli che offrono varietà più rare e magari poco conosciute.
Non trascuriamo anche l’aspetto didattico che le piante hanno nei confronti dei più piccoli: veder trasformare un fagiolo in una verde e piccola piantina, fa sempre presa tra i bambini: approfittiamone per passare del tempo in famiglia, sporcandoci le mani di terra insieme ai più piccoli.

Ricavare nuove piante da quelle già esistenti

È possibile ricavare nuove piante da quelle che abbiamo già nel nostro balcone utilizzando varie tecniche di riproduzione. A seconda del tipo di pianta, è possibile ottenere piante uguali senza alcuna spesa.
Tra le tecniche più diffuse abbiamo la moltiplicazione per talea, per margotta, per propagine, innesto e divisione del fusto.

Personalmente, ho sempre optato per la talea. Qui trovate una valida guida per una talea perfetta: Riproduzione per talea delle piante

La bella stagione ci spinge ad uscire fuori casa, ricordiamoci quindi, di ritagliare del tempo per curare il nostro splendido balcone.  Annaffiamo la sera per evitare di far evaporare l’acqua e stressare la pianta, ponendo attenzione al drenaggio, alle nuove fioriture, alla cimatura delle nostre amiche.
Anche se non interagiscono con voi, la sensazione di pace che proverete nel curare queste creature, vi ripagherà di ogni minuto speso per la loro cura; infine, godetevi una bella tazzina di caffè nel silenzio del mattino, approfittando della calma e degli aromi profusi dalle vostre nuove amiche.

 

Conosci altri metodi per ottenere un balcone fiorito spendendo poco? Condividi con noi la tua esperienza: lascia un commento!

Cc-by new white.svg Cc-nc white.svg Cc-nd.svg 
Puoi scaricare e condividere questo articolo a condizione che non venga modificato né utilizzato a scopi commerciali, sempre attribuendo la paternità dell’opera all’autore.

Come avere un balcone fiorito spendendo poco
Tag:                                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + uno =