Il primo passo per l’indipendenza di un figlio passa dalla paghetta.

Gli esperti ritengono utile ed educativo iniziare a responsabilizzare i propri figli sul giusto valore del denaro e del risparmio intorno ai 12-13 anni.

Molto lo imparano dall’esempio, da come si gestisce il proprio bilancio familiare, ma anche facendo semplicemente la spesa.

Per gestire al meglio la paghetta è fondamentale rispettare alcune regole:

  • STABILIRE UN COMPENSO CHE CRESCA CON GLI ANNI:
    Secondo le proprie possibilità,  5-10 euro a settimana, dai 12 anni vanno più che bene.
  • LASCIARE LIBERTA’ DI SPESA:
    All’inizio vostro figlio potrebbe spenderli in un solo giorno, che, per chi non ha mai amministrato qualcosa, è del tutto normale; con il tempo, venendo meno il denaro, sarà lui stesso a dare il giusto valore alle cose, e di conseguenza al risparmio.
  • NON CONCEDERE ANTICIPI, DEROGHE, ECCEZIONI:
    Questo è un punto dolente su cui entrambi i genitori non devono transigere: elargendo altri soldi finireste per annullare il beneficio della paghetta; è FONDAMENTALE ribadire il concetto che i soldi non sono infiniti: stabilendo una scala di valori ai propri bisogni ed al tempo necessario per raggiungere un traguardo.
  • PREMI E SOSPENSIONI:
    La paghetta viene spesa male e per questo volete sospenderla? Volete premiarlo per i risultati raggiunti a scuola? Niente di più sbagliato!
    Bisogna guardare alla paghetta come uno strumento formativo, come per il resto, si impara dai propri errori.

 

Cc-by new white.svg Cc-nc white.svg Cc-nd.svg Puoi scaricare e condividere questo articolo a condizione che non venga modificato né utilizzato a scopi commerciali, sempre attribuendo la paternità dell’opera all’autore.

Ti è piaciuto? Condividi subito questo post, aiuta a far crescere il blog!
Utilizza i tasti che trovi qui sotto.
Grazie!


Come gestire al meglio la paghetta di tuo figlio
Tag:             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 15 =