Non smettere mai di imparare cose nuove: è questa la frase che ricordo con piacere quando ripenso alla mia insegnante di lettere. Una frase in cui è presente la speranza e l’augurio di un bravo insegnante.

È possibile migliorare la nostra situazione economica attraverso l’istruzione?

La risposta sembra ovvia, ma non è uguale per tutti.

Ci sono casi in cui ci si ritrova a fare lavori per nulla appaganti, per utilizzare un eufenismo, pur avendo studiato per anni e aver conseguito una laurea. Allo stesso tempo, esistono anche laureati che ottengono qualifiche pur non essendo all’altezza, con lacune di comprensione del testo imbarazzanti.

Ciò che rende appettibile un candidato rispetto ad un altro, non è, o meglio, non dovrebbe essere solo il titolo di studio e l’esperienza, ma determinate capacità umane come l’empatia, la risoluzione di problemi specifici, rafforzate e presenti maggiormente nelle persone che dedicano il loro tempo alla lettura.

conoscenza e l'importanza della lettura
“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito … perché la lettura è un’immortalità all’indietro”
(Umberto Eco)

Personalmente, non sono mai stato una cima a scuola, ma da ragazzo, seppur sbagliando, ho avuto la fortuna di essere tendenzialmente una persona introversa che ha amato prendersi del tempo leggendo, scrivendo e imparando da autodidatta.

La differenza quindi, può darla solo una continua curiosità e la continua formazione: un mare fatto di carta, pratica ed esperienza; chiunque, non soddisfatto del proprio lavoro può ricominciare a studiare e provare a stravolgere la propria vita imparando nuovi concetti da zero.

Non è semplice, ma ad ogni modo, dedicare qualche ora a settimana alla lettura, può solo arricchirci.

Leggere aiuta a vivere meglio

È corretto dire che i poveri hanno grandi televisori e i ricchi grandi librerie?

In linea di massima, è corretto dire che colui che legge e si aggiorna continuamente, magari anche con strumenti diversi dalla lettura, è più agevolato rispetto al classico operaio che per 40 anni fa la stessa cosa e preferisce guardare passivamente la tv sfinito dopo una faticosa giornata di lavoro.

La questione quindi è molto personale, e va al di là dei clichè legati al proprio status sociale; è falsa anche la teoria seconda la quale il cervello impara meglio da giovani che da adulti, e c’è chi ha dimostrato che anche dopo i 40 è possibile imparare da zero.

Leggere ad ogni modo, sviluppa capacità totalmente differenti da ciò che impariamo scuola; lo studio nell’età adulta si arricchisce di speranza ed è volta alla voglia di cambiamento.

Dove prendo il tempo per imparare

Famiglia, lavoro, spostamenti, sono impegni importanti in cui riversiamo la maggior parte delle nostre energie. Nessuno può allungare le giornate, nè tanto meno, è consigliabile togliere ore dedicate al riposo.

In realtà, perdiamo comunque molto tempo in attività inutili: smartphone e Tv, occupano ormai quasi tutto il tempo libero a disposizione della maggior parte delle persone. Per cominciare quindi, è necessario prendere coscienza del tempo che si spreca su social network e serie televisive o partite di calcio, perché se è vero che vogliamo cambiare la nostra situazione, migliorando la nostra conoscenza, tutto passa da come ottimizziamo il tempo libero.

Personalmente ho cancellato qualsiasi applicazione dedicata ai social network, installando applicazioni per migliorare gratuitamente il mio inglese, visualizzare contenuti interessanti e leggere ebook quando il cartaceo non è reperibile.

Conclusioni

Appassionati a qualcosa e approfondisci: la conoscenza è qualcosa che ci portiamo nella tomba, a differenza dei soldi e di tutto ciò di cui ci circondiamo. Conoscenza è sapere, potere, libertà e immaginazione; smettere di essere curiosi, non investire nel proprio bagaglio culturale, è limitante per se stessi e gli altri.

Un vero peccato.

 

Cc-by new white.svg Cc-nc white.svg Cc-nd.svg Puoi scaricare e condividere questo articolo a condizione che non venga modificato né utilizzato a scopi commerciali, sempre attribuendo la paternità dell’opera all’autore.

Ti è piaciuto? Condividi subito questo post, aiuta a far crescere il blog!
Utilizza i tasti che trovi qui sotto.
Grazie!

Non smettere mai di imparare cose nuove
Tag:                             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 3 =